La Dott.ssa Lerro ci spiega cos’è il Lipofilling, la tecnica che ci rende più belle grazie al nostro grasso

La Dott.ssa Lerro ci spiega cos'è il Lipofilling, la tecnica che ci rende più belle grazie al nostro grasso

Sulla pancia, sui fianchi e nelle culotte de cheval si cela il materiale più prezioso per rimodellare il nostro corpo, in maniera naturale e definitiva. Già da molto tempo si è giunti alla conclusione che il nostro grasso potrebbe essere il futuro della chirurgia estetica, perché permette performance straordinarie, è perfettamente tollerato ed è assolutamente sicuro, trattandosi di una sostanza autologa.

Il lipofilling è la tecnica che permette di rimodellare molte aree del nostro corpo prelevando il grasso da dove è presente in quantità sufficiente e riniettandolo nelle zone in cui si vuole avere più volume.

Abbiamo chiesto informazioni su questa tecnica dai risultati eccellenti alla Dottoressa Valentina Lerro, specialista in chirurgia estetica. Nella struttura di Clinic Medical Beauty la Dott.ssa Lerro si occupa di interventi di chirurgia plastica con una particolare predilezione per il rimodellamento corporeo e lipofilling. Per la Dott.ssa è una questione di famiglia: suo nonno e suo zio – Arpad e Giorgio Fischer – sono stati gli ideatori della lipoaspirazione nel 1976.

Per questo abbiamo deciso farci spiegare come funziona nel dettaglio l’intervento che utilizza il grasso per migliorare il proprio aspetto.

Cos’è il lipofilling e a cosa serve?

Con lipofilling si intende una tecnica basata sul riempimento con il grasso autologo: in linea puramente teorica tutte le zone del corpo possono essere trattate. I primi lipofilling sono stati fatti a livello del volto addirittura a metà dell’800: esistono testi di quel periodo in cui vengono descritte le tecniche utilizzate all’epoca per gli interventi di trapianti di grasso autologo con lo scopo di migliorare gli inestetismi cutanei del volto. Oggi il grasso è una risorsa meravigliosa: prima di tutto perché, essendo ricco di cellule staminali, comporta un miglioramento della qualità della cute e in secondo luogo perché da luogo ad un aumento volumetrico e può quindi correggere le mancanze di volume in determinate zone del corpo.

Quali sono le zone del corpo che è possibile trattare e i risultati che si possono ottenere?

Il volto è la zona che viene trattata maggiormente con questa tecnica soprattutto quelle aree su cui non è possibile intervenire con l’acido ialuronico o che comunque sono più soggette complicanze se trattate con i filler: le occhiaie ad esempio o il sopracciglio e tutte quelle zone intorno all’occhio che con un aumento volumetrico possono riacquistare un aspetto più giovane e fresco.  Il lipofilling è molto efficace anche sulle mani: spesso ci troviamo davanti a donne con bellissimi visi sui quali il tempo non sembra aver lasciato alcun segno ma con mani che tradiscono inesorabilmente la loro età. Parlo di mani scheletrizzate con i tendini molto visibili che però possono acquistare un aspetto molto più giovanile grazie alle sedute di infiltrazioni di grasso. In questo modo sarà possibile anche migliorare la texture della pelle e ridurre le macchie. Il grasso può essere utilizzato anche per il décolleté ed infine, con trapianti veri e propri, per l’aumento volumetrico dei glutei.

Il presupposto fondamentale per il lipofilling in ogni caso è avere dei depositi di grasso sufficienti affinché si possa utilizzare lo stesso per fare questa sorta di autotrapianto: le quantità che servono per fare un aumento volumetrico dei glutei ad esempio sono importanti.

Glutei al top con il Lipofilling

In cosa consiste esattamente l’intervento?

L’intervento consiste nel prelievo del grasso, la quantità varia in base alla zona che si vuole trattare: per viso e mani, per la quali è richiesto un quantitativo di grasso minimo, lo prelevo con una siringa in modo da creare il minor trauma possibile. Quando invece le aree da trattare hanno bisogno di quantitativi maggiori  di grasso, come ad esempio i glutei, si ricorre all’utilizzo di raccoglitori appositamente studiati che hanno filtri all’interno in grado di separare il grasso facendolo decantare in modo che il chirurgo possa prendere poi solo quello “buono”. Questa procedura si effettua con le tradizionali cannule da lipoaspirazione. Ovviamente ogni chirurgo ha la sua tecnica personale e le sue abitudini.

Anche se per  il lipofilling del volto occorre una quantità di grasso molto piccola è comunque necessario un minimo di sedazione: la procedura sul viso ha una durata media di un’ora circa mentre quando si tratta di un lipofilling per un aumento volumetrico dei glutei parliamo di una lasso di tempo maggiore. Sono entrambi interventi che si eseguono in sala operatoria perché il grasso deve essere manipolato in ambiente sterile per garantire il massimo della sicurezza. Bisogna ricordare anche che la quantità di grasso iniettata non attecchisce al 100%: non è detto quindi  che con un unico trapianto si riesca ad ottenere un risultato completo. Per questo è consigliato effettuare un secondo intervento a distanza di 6-7 mesi.

Come si svolge la convalescenza?

Per quanto riguarda il lipofilling del volto e delle mani la convalescenza è veramente minima, dipende soprattutto dall’entità dei lividi che possono formarsi ma che possono comunque essere coperti facilmente con il make-up. Può manifestarsi un leggero gonfiore come dopo qualsiasi trattamento ma in realtà la convalescenza non esiste. Non ci sono fasciature, non ci sono punti e per questo la ripresa è molto molto rapida. Per il lipofilling dei glutei per i primi 3 giorni si applicano delle medicazioni particolari di spugne autoadesive sulle zone dalle quali è stato aspirato il grasso e poi occorre indossare una guaina per circa 3 settimane dopo l’intervento. Si può riscontrare al massimo una sensazione di affaticamento muscolare come se si fosse fatta troppa palestra, una dolenzia generalizzata, nulla di più. La convalescenza vera e propria anche per questo intervento è molto breve, si può tornare subito alla vita quotidiana e ai rapporti sociali, non ci sono problemi o impossibilità motorie. Ovviamente rispetto al lipofilling del volto c’è un po’ più di discomfort per il paziente.

Qual è il periodo ideale per scegliere di sottoporsi al lipofilling?

Io dico sempre che il periodo ideale per sottoporsi ad un intervento è quello che fa più comodo alla paziente. Ci sono dei paese dove è estate tutto l’anno e nei quali i pazienti si operano tranquillamente. Nel caso di un lipofilling dei glutei, che presuppone anche una lipoaspirazione importante, ci saranno degli ematomi nel post operatorio: perciò nel periodo in cui sono presenti i lividi non ci si può esporre al sole o comunque è necessario schermarsi. Detto questo il periodo ideale è quello ideale per la paziente.

Come rassicurare le donne che vogliono sottoporsi a questo intervento?

Il lipofilling del viso e dei glutei è un intervento assolutamente standardizzato che se eseguito da professionisti  competenti in strutture sanitarie adeguate risulta sicuro ed efficace e garantisce un’alta soddisfazione rispetto alle aspettative della paziente. Inoltre trattandosi di grasso autologo non c’è alcun rischio di allergie o intolleranze una volta eseguito il trapianto.

Prenota anche tu un consulto gratuito con la Dott.ssa Lerro!