Come proteggere la pelle in inverno: i trattamenti consigliati

Come proteggere la pelle in inverno

Come proteggere la pelle in inverno: i trattamenti consigliati

Come proteggere la pelle dal freddo? I mesi invernali sono quelli che stressano maggiormente la nostra cute. Temperature rigide e sbalzi termici tra ambienti chiusi e spazi aperti richiedono maggiori accortezze per il corpo. Freddo e vento tendono infatti a seccare la pelle e a farla apparire spenta e ingrigita, creando persino delle piccole ferite. I metodi per combattere la pelle del viso rovinata, però, esistono. Come ottenere la migliore protezione dal freddo e come preservare bellezza e salute della pelle in inverno?

Proteggere la pelle in inverno: i rimedi freddo naturali

Abbigliamento e alimentazione, se scelti in maniera adeguata, sono due validi alleati della pelle. Bere almeno un litro e mezzo di acqua minerale naturale a baso contenuto di sodio previene la disidratazione, mentre per attivare la circolazione sono utili le spremute di agrumi. Per quanto riguarda i cibi, invece, sono particolarmente indicati, oltre agli agrumi, mandorle e noci, ricche di sostanze antiossidanti e in grado di fornire ottimi acidi grassi. Sul fronte outfit, per non ritrovarsi con la pelle rovinata dal sole o dal freddo, invece, è essenziale proteggere mani e viso, collo e décolleté. Guanti e occhiali sono un’ottima fonte di riparo, non soltanto se si praticano sport all’aria aperta. Non va inoltre sottovalutata la mancanza di umidificazione della pelle anche in casa: come prevenirla? Basta affidarsi a un comunissimo contenitore per l’acqua da posizionare sui termosifoni che ha il compito di ridurre la secchezza dell’aria.

Come proteggere la pelle in inverno

Quale crema usare?

Per proteggere la pelle nei mesi invernali è indicato il ricorso a una crema viso protettiva per il freddo. Quando le temperature sono rigide la nostra pelle necessita di cosmetici specifici, dotati di formule che la nutrano al meglio e ne preservino l’idratazione nel corso della giornata. Viso, mani e labbra sono le parti più esposte e fragili.

Per queste ultime può essere consigliato un impacco a base di burro di karité, adatto a contrastare la screpolatura, unito a qualunque olio essenziale (facoltativo). Per viso e mani sono indicate creme nutrienti, dotate di formule ricche e grasse che facciano da scudo contro gli agenti esterni, e olio di cocco e olio di rosa mosqueta, a condizione di rispettare una semplice regola: tamponare e mai strofinare.

Come proteggere la pelle in inverno

Un tip speciale? Una piccola aggiunta di acido ialuronico o di acido poliglutammico alla skin care routine aiuta a trattenere e a mantenere l’idratazione della pelle più a lungo. Per mantenere l’elasticità della pelle sopra i 30 anni, poi, il retinolo è un supporto essenziale: aumenta la produzione di collagene e aiuta a uniformare il colorito, mantenendo la pelle fresca, compatta e idratata. Attenzione, però, a usarlo solo di sera (o con una protezione solare): è fotosensibilizzante e può creare arrossamenti. È sempre consigliabile sotto valutazione medica.

Come proteggere la pelle in inverno

Proteggere la pelle in inverno: biorivitalizzazione e filler

Un sistema assolutamente valido per proteggere la pelle dal freddo in inverno è, infine, quello di fare ricorso ai trattamenti viso e corpo. La medicina estetica non interviene infatti solo contro gli inestetismi e può rappresentare un prezioso alleato, soprattutto se si sceglie nel periodo adatto come prevenzione.Autunno e inverno sono senza dubbio le stagioni migliori, perché permettono di ridurre le ore di esposizione al sole.

Come proteggere la pelle in inverno con filler

La biorivitalizzazione consente di ridurre gli effetti dell’invecchiamento dei tessuti, restituendo elasticità e lucidità alla pelle. Si interviene con iniezioni rigeneranti di acido ialuronico con l’aggiunta di silicio organico (tonificante), vitamine, minerali e aminoacidi. I tessuti appaiono più elastici e la pelle reidratata, rigenerata. Il filler con acido ialuronico, invece, può essere un aiuto ulteriore, specialmente sopra i 40 anni. L’acido ialuronico in questo caso va a riempire e rimpolpare le piccole rughe e le due azioni, filler e biorivitalizzazione, possono essere combinate per un risultato ottimale. A differenza del filler a base di acido ialuronico, la seconda ha il vantaggio di unire al beneficio estetico una vera e propria funzione terapeutica preventiva: proteggendo e migliorando il tono cutaneo. Puoi scoprire di più su questo trattamento alla pagina dedicata.

Richiedi
un appuntamento

ottieni subito il 5% di sconto

Richiedi Appuntamento

Siamo spiacenti, ci sono problemi con l'invio del modulo.
Riprova più tardi.